LOADING...

La tua lavastoviglie consuma troppo sale?

Purtroppo è una circostanza che può manifestarsi con una certa frequenza. Le cause alla base di questo problema, infatti, possono essere diverse e non sempre di facile risoluzione. Bisogna impegnarsi per comprendere da dove sorge questo problema, e intervenire per normalizzare il consumo di questa sostanza. Considera, infatti, che una situazione di questo tipo potrebbe vanificare l’utilità stessa dell’elettrodomestico. Quando una lavastoviglie consuma una quantità eccessiva di sale, i piatti e i bicchieri si opacizzano. Dunque richiederanno un secondo lavaggio, stavolta a mano, con tutte le conseguenze del caso. Ecco perché si consiglia sempre di agire con tempestività e con precisione.

Il rapporto tra sale e lavastoviglie, alle volte, può farsi complicato e proporre diversi problemi. Se hai già letto la nostra guida sulla lavastoviglie che non consuma sale, sai a cosa ci stiamo riferendo. Le cause che possono interrompere o accelerare il flusso d’acqua nello scomparto del sale sono numerose. Vediamo quali sono, dunque, i motivi che spingono l’elettrodomestico verso questo consumo eccessivo di sale.



La prima causa potrebbe essere da individuare dallo sportellino difettoso o dal coperchio del comparto del sale che non si chiude come dovrebbe. Questo potrebbe anche aprirsi durante i cicli di lavaggio, facendo fuoriuscire il sale nella sua interezza. Quando capita, la lavastoviglie è capace di consumare chili di sale.

Un altro motivo potenzialmente responsabile del problema è la scorretta regolazione della ghiera per la durezza dell’acqua. Questa è importante, in quanto il sale ha esattamente lo scopo di ridurre il peso calcareo dell’acqua. Se la ghiera viene impostata ad un livello massimo di durezza, tende ovviamente a consumare enormi quantità di sale. In questo caso è un semplice problema di dosaggio scorretto, che può essere risolto aggiustando le impostazioni della ghiera di regolazione. Se hai difficoltà a trovare questo componente, cerca sul libretto di istruzioni dell’elettrodomestico la voce ghiera del dolcificatore. Se il problema è tecnico e riguarda il dosatore interno, invece, puoi fare poco. Qui l’unica strada percorribile è chiamare un tecnico specializzato.

In certi casi il consumo di sale a livelli elevati è normale. Questo perché certe città o certe zone vantano un’acqua connotata da un alto livello di durezza. Quando l’acqua è particolarmente calcarea, la lavastoviglie utilizza molto sale per addolcirla. Purtroppo in questa situazione i consumi si innalzano. Non tanto per il costo del sale, quanto per il consumo di energia idrica ed elettrica. Per evitare di spendere troppi soldi, ti conviene intervenire a monte. Nello specifico, in commercio puoi trovare diversi sistemi pensati per ridurre la durezza dell’acqua direttamente all’uscita. Si parla dei magneti anticalcare a polarizzazione radiale, da installare sui raccordi che collegano la rete idrica agli elettrodomestici.

In questa guida ti abbiamo spiegato le cause di una lavastoviglie che consuma troppo sale. Esistono comunque altre possibili motivazioni, alla base di questo problema. Per esempio potrebbe dipendere da un guasto o da un malfunzionamento dell’elettrovalvola. Nella lavastoviglie è infatti presente una elettrovalvola specifica, che regola il passaggio dell’acqua nello scomparto del sale. Se si guasta, può non chiudersi o chiudersi del tutto. Nel primo caso è possibile notare un flusso continuo di acqua, e il conseguente scioglimento di tutto il sale. Nel secondo caso, invece, il sale non si scioglierà per via dell’interruzione del flusso. L’elettrovalvola responsabile si trova di solito a fianco del serbatoio del sale. Risulta essere possibile sostituire l’elettrovalvola della lavastoviglie con il fai da te, anche se è meglio rivolgersi ad un professionista.
Condividi: